TRAPIANTO

AREA DEL SITO WWW.CHIRURGIATORACICA.ORG DEL DOTT. MARCELLO COSTA ANGELI
   Home IMMAGINI DISCLAIMER       

Su
TRAPIANTO
ENFISEMA
INFEZIONI
ASMA
B.P.C.O.
PNEUMOTORACE
INTERSTIZIOPATIE
DISTROFIA BOLLOSA
SEQUESTRO POLMO.
INFARTO POLMONARE
INSUFFICIENZA RESPIRATORIA CRONICA

  

 

 

PER IL TRAPIANTO DI POLMONI CONSIGLIO IL LINK DEL COLLEGA FRANCESCO INZIRILLO:

http://web.tiscali.it/francescoinzirillo/INDICE.HTM

NITp - Trapianto Polmone


Trapianto di polmone

Il primo trapianto di cuore nell’uomo fu eseguito a Toronto nel 1986 da Joel Cooper; da allora ad oggi in tutto il mondo sono state eseguiti centinaia di trapianti. All’interno della nostra organizzazione (Nord Italia Transplant program) l’attività è iniziata nel 1991 e a tutt’oggi sono stati eseguiti circa 600 trapianti polmonari.

Accesso alla lista

Tutti i pazienti ritenuti idonei dai Centri di Trapianto di Polmone del NITp hanno accesso alla lista.

Come iscriversi in lista

I pazienti vengono iscritti in lista d’attesa nel momento in cui pervengono al CIR la cartella d’iscrizione compilata dal Centro di Trapianto ed il prelievo di sangue per il gruppo sanguigno e le prove di compatibilità.

È possibile l’iscrizione ad un solo Centro di Trapianto nel NITp; nel momento in cui un paziente volesse scegliere un Centro diverso dovrà inviare una lettera firmata al CIR e ad entrambi i Centri Trapianto interessati, indicando espressamente qual è il Centro scelto e quello a cui intende rinunciare.Il Centro Trapianti prescelto dovrà inviare una nuova cartella con valutazione di idoneità per l'iscrizione in lista d'attesa.

Come rimanere iscritti in lista

Ogni cambiamento della posizione di iscrizione in lista, compreso l’eventuale passaggio in stato di urgenza, vengono comunicati dai Centri di Trapianto al CIR. Al paziente non è richiesto di fare alcunchè per mantenere l’iscrizione, che è compito del Centro di Trapianto che dovrà mandare i sieri al CIR e sottoporre il paziente a visita annuale.

Come vengono assegnati i polmoni al trapianto

I polmoni vengono assegnati secondo un criterio di rotazione ai Centri di Trapianto, che scelgono il paziente in base a criteri clinici. Il CIR controlla che l’organo venga assegnato ad un paziente di gruppo AB0 compatibile e che non vi sia una elevata discrepanza di età fra donatore e ricevente. I Centri di Trapianto segnalano al CIR eventuali casi di pazienti per cui è necessario un trapianto urgente, con la possibilità di estendere la richiesta di un organo anche alle altre Organizzazioni di Trapianto in Italia o all’estero.

Esenzione dalla spesa pubblica

Gli accertamenti previsti per l’iscrizione in lista, per i controlli durante l’attesa di trapianto e dopo l’intervento sono a carico del Servizio Sanitario Nazionale, come previsto dai seguenti Decreti:

n Decreto 18 maggio 2001, n.279 del Ministero della Sanità, art.6 comma 2 "Gli assistiti esenti dalla partecipazione al costo ai sensi del decreto ministeriale 28 maggio 1999 n. 329, sono altresì esentati dalla partecipazione al costo delle prestazioni necessarie per l’inclusione nelle liste d’attesa per trapianto";

n Decreto 21 maggio 2001, n.296 del Ministero della Sanità individua nell’allegato 1 le condizioni e malattie che danno diritto a fruire le prestazioni in esenzione.

o Per i pazienti in attesa di trapianto è prevista l’esenzione "secondo le condizioni cliniche individuali per le prestazioni sanitarie appropriate per il monitoraggio delle patologie di cui sono affetti e delle loro complicanze, per la riabilitazione e per la prevenzione degli ulteriori aggravamenti" (cod 050).

o Per i pazienti sottoposti a trapianto è prevista l’esenzione "secondo le condizioni cliniche individuali per le prestazioni sanitarie appropriate per il monitoraggio delle patologie di cui sono affetti e delle loro complicanze, per la riabilitazione e per la prevenzione degli ulteriori aggravamenti" (cod 052).

Attività dei Centri e tempi di attesa per il trapianto

Nella tabella sono riportati i dati di attività dei Centri Trapianto di Polmone del NITp. Vai alla tabella

Follow-up

Tre volte all’anno, il CIR chiede ai Centri di Trapianto i dati di follow-up dei pazienti trapiantati. Viene chiesto un giudizio delle condizioni del paziente e la segnalazione di eventuale comparsa di neoplasia. I dati raccolti vengono utilizzati per una valutazione di qualità dei trapianti nel programma NITp. Il CIR provvede inoltre a trasmetterli al Centro Nazionale Trapianti e al Registro del Collaborative Transplant Study (CTS), che raccoglie i dati di trapianto di centri di tutto il mondo.

Gruppo di Lavoro Permanente sul trapianto di polmone

Periodicamente i Responsabili ed i Rappresentanti dei Centri di Trapianto di Polmone del NITp si incontrano per discutere i problemi riguardanti il programma di trapianto e valutare eventuali nuove proposte o modifiche al protocollo in uso. Tutte le variazioni vengono quindi sottoposte alla approvazione dell’Assemblea Generale del NITp nel corso dell’annuale Riunione Tecnico-Scientifica.

 Questa pagina è stata modificata in data :17/05/2015

 

Su

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Verifica qui

Potete inviare a WebmasterAzienda un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web. Le informazioni assunte da queste pagine devono essere sempre vagliate dal proprio medico curante. Copyright © 2001/2/3/4/5/6/7/8/9 /10/11/12- Azienda Ultima modifica in data : 12 maggio 2013