CIRROSI

AREA DEL SITO WWW.CHIRURGIATORACICA.ORG DEL DOTT. MARCELLO COSTA ANGELI  

    Home SALVAMENTO RADIOLOGIA ESAMI EMATOCHIMICI DISCLAIMER GINECOLOGIA OCULISTICA ORTOPEDIA PEDIATRIA 

 

Su
ANEMIE
ANGINA
APPENDICE
CALCOLOSI URINARIA
CIRROSI
DIABETE
DOLORI ADDOMINALI
EPATITI
INF. VIE URINARIE
INFARTO
INS.RENALE
IPERIDROSI
LEUCEMIE
OSTEOPOROSI
SCOMPENSO
SOFFI
STITICHEZZA
VOMITO

 

Noi aderiamo ai principi della carta HONcode della Fondazione Health On the Net

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Verifica qui

Cirrosi epatica

E’ una malattia caratterizzata da una alterazione della struttura normale del fegato per la presenza di:
• Morte degli epatociti
• Fibrosi connettivale che coinvolge tutta la struttura del fegato
• Rigenerazione tipo nodulare
La conseguenza di queste modificazioni apporta una modificazione della tipica architettura del fegato con l’insorgenza di un ostacolo alla circolazione del sangue, infatti molti spazi in cui originariamente circolava il sangue, vengono occupati da tessuto connettivo, tutto ciò provoca nel tempo un’insufficienza epatica.

Le cause principali di cirrosi epatica sono:
1. Alcool etilico
E’ la più comune e dipende dall’assunzione abbondante e continuativa di alcol
2. Epatite acuta e cronica in fase attiva
Forme molto gravi di epatite virale possono dare direttamente cirrosi
3. Cirrosi da stasi biliare
E’ una malattia cronica progressiva che si manifesta come difficoltà al deflusso della bile a livello delle fini vie biliari intraepatiche. Attualmente è stato dimostrato che si tratta di una malattia di tipo autoimmune ossia l’organismo produce anticorpi che attaccano i propri dotti biliari danneggiandoli; molto probabilmente il meccanismo è scatenato da un’epatite insorta tempo prima ma non riconosciuta a causa della scarsissima sintomatologia clinica. Nella casistica le donne sembrano essere colpite 10 volte di più rispetto agli uomini e la fascia d’età è quella compresa fra i 35 e i 60 anni. I sintomi principali sono la comparsa di ittero che può essere anche molto inteso e colorare la cute in modo evidente a ciò si accompagnano urine scure per il deposito di bilirubina e feci chiare per la diminuzione dei bilinogeni. A causa del deposito dei sali biliari, i pazienti lamentano prurito diffuso che in alcuni casi precede l’ittero. Il caratteristico aumento di colesterolo di questa patologia, provoca la formazione di xantelasmi e xantomi ossia depositi di colore giallastro ricchi di colesterolo sia a livello delle palpebre(xantelasmi) che a livello dello grosse articolazioni (xantomi); naturalmente a questo quadro vanno aggiunti tutti i sintomi da insufficienza epatica.
4. Cause circolatorie
La causa più comune di questa varietà è lo scompenso cardiaco congestizio, in questo caso si verifica una stasi venosa a livello di tutta la grande circolazione con conseguente interessamento anche delle vene sovraepatiche ciò provoca ristagno di sangue nel fegato con danno inevitabile agli epatociti. Tale ristagno si verifica anche nella sindrome di Budd-Chiari dove si verifica una trombosi delle vene sovraepatiche più spesso causata da tumori che comprimono tali vene.
5. Cause metaboliche
Alcune di queste colpiscono i neonati e i bambini piccoli come nel caso della Galattosemia in cui si riscontra un deficit congenito di un enzima che deve convertire il galattosio in glucosio. Il neonato ingerisce grosse quantità di galattosio con il latte tale zucchero però non viene trasformato ed accumulandosi nel fegato, provoca con il tempo grave sofferenza epatica. Si ricordano anche le varie forme di Glicogenosi in cui si nota carenza degli enzimi deputati alla trasformazione del glicogeno assunto con i cibi, tale sostanza si accumula in diverse sedi dell’organismo provocando danni cellulari di vario genere.

SINTOMATOLOGIA
La malattia ha un esordio lento e progressivo; il paziente contatta il proprio medico per la comparsa di disturbi digestivi, è inappetente un po’ per tutti i cibi, lamenta pesantezza epigastrica dopo i pasti, la digestione è lunga e laboriosa e compare una sensazione di tensione addominale. Un altro sintomo che può apparire precocemente è la comparsa di edemi alle caviglie soprattutto nelle ore serali.
Il paziente che manifesta questi sintomi è in genere ancora un soggetto in buone condizioni ma successivamente l’aspetto cambia e si nota un netto contrasto tra la pare superiore del corpo che appare magra e la parte inferiore che invece presenta aspetto florido con addome prominente a causa di accumulo di liquidi e non di grasso.
Nelle forme più gravi o negli stadi più avanzati , è presente dolore sordo, profondo al fianco destro
e nella parte centrale dell’addome accompagnato da un colorito cutaneo itterico non molto intenso, da porpora cutanea cioè da formazioni emorragiche puntiformi diffuse in tutto il corpo per difetto
dei fattori di coagulazione ,da un’edema palmare e dalle dita dalla caratteristica forma a bacchetta di tamburo.
Abbastanza frequentemente si possono osservare alterazioni a livello degli annessi cutanei per alterazione endocrina: gli uomini perdono i peli sul torace, sull’addome, al pube e alle ascelle, manifestando anche un aumento della ghiandola mammaria, le donne invece hanno una sospensione del mestruo ed una riduzione della ghiandola mammaria.

ESAMI DEL SANGUE
Si rilevano parametri alterati:
• Anemia in parte dovuta all’ingrossamento della milza che distrugge più globuli rossi
• Aumento soprattutto delle gammaGT e in parte delle altre transaminasi
• Aumento della bilirubina nel sangue
• Diminuzione dell’albumina nel sangue perché questa proteina viene prodotta dal fegato
• Aumento delle gammaGlobuline (anticorpi)
La malattia è cronica e non ha tendenza a regredire, in molti casi se si rimuove la causa, l’evoluzione del processo patologico si arresta, pertanto possiamo affermare che in questa malattia vale certamente di più la prevenzione che la terapia basata soprattutto nella riduzione della ritenzione idrica e dell’ipertensione portale.

 Questa pagina e' stata aggiornata l'ultima volta il : 18/02/2014

Su

 

Potete inviare a WebmasterAzienda un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.  Le informazioni assunte da queste pagine devono essere sempre vagliate dal proprio medico curante. Copyright © 2001/2/3/4/5/6/7/8/9/10/11/12/13/14 - Azienda
Ultimo aggiornamento in data : 18 febbraio 2014