TOSSE

AREA DEL SITO WWW.CHIRURGIATORACICA.ORG DEL DOTT. MARCELLO COSTA ANGELI  

    Home SALVAMENTO RADIOLOGIA ESAMI EMATOCHIMICI DISCLAIMER GINECOLOGIA OCULISTICA ORTOPEDIA PEDIATRIA 

 

Su
NODULO POLMONARE
TUMORI
PNEUMOTORACE
INALANTI TOSSICI
SARCOIDOSI
B.P.C.O.
ENFISEMA
ASMA
INS. RESPIRATORIA
TOSSE
TRAPIANTO POLMONI

 

Noi aderiamo ai principi della carta HONcode della Fondazione Health On the Net

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Verifica qui

LA TOSSE

Per tosse si intende una emissione, brusca e sonora, di aria attraverso le vie respiratorie e la bocca: è normalmente un atto riflesso protettivo con cui l'organismo cerca di liberare la trachea o i bronchi dalla presenza di una sostanza che tende ad ostruirli o ad irritarli. Un accesso di tosse momentaneo può infatti essere causato da polvere inspirata o da altri elementi estranei, come un seme di frutta o una particella di cibo.  Più frequentemente, però, la tosse è provocata dal muco dei polmoni o delle vie nasali che irrita la trachea. Una tosse secca, a brevi accessi, può essere dovuta ad un colpo di freddo, ma può essere causata anche dall'influenza o manifestarsi insieme all'infiammazione della laringe, delle tonsille o della trachea. Se è accompagnata da dolore al fianco, può essere sintomo di pleurite, cioè una infiammazione della membrana che circonda i polmoni. Una tosse persistente e latrante, che non produce catarro, può anche indicare una pressione esercitata sulle vie respiratorie: ciò può verificarsi in caso di ingrossamento del timo, della tiroide, del cuore, dei linfonodi del mediastino (spazio compreso fra i due polmoni) oppure di tumore del polmone o dell'esofago. Quando l'espettorato (catarro) è scarso, la tosse può essere sintomo, specie nei soggetti di mezza età, di una malattia polmonare, come la tubercolosi o l'enfisema, oppure di pertosse nei bambini: se non si risolve in un paio di giorni è sempre bene consultare il medico. Una tosse di questo tipo, di primo mattino, può essere causata da irritazione della laringe o della trachea da parte di sostanze infette, colate, nel corso della notte, dal naso nel fondo della gola; fra le altre cause possibili, c'è da considerare l'asma. La tosse persistente e con eliminazione di molto catarro è di solito causata da bronchite, bronchiectasie (dilatazione dei bronchi a forma di sacco) o eccesso di fumo. La tosse del fumatore è più persistente il mattino: dopo un accesso di tosse catarrosa al risveglio, la tosse può rimanere secca per tutto il resto della giornata. Altre cause di questo tipo di tosse possono essere il catarro nasale cronico o la sinusite; comunque, a prescindere dall'aspetto del catarro, in caso di tosse persistente bisogna sempre ricorrere al medico. La tosse, nei bambini, è molto spesso indice di raffreddore o di influenza, ma può anche essere sintomo di bronchite, pseudocroup, mal di gola, tonsillite o anche di otite; inoltre potrebbe essere il primo sintomo del morbillo o di una allergia. In ogni caso, anche e soprattutto nel bambino, quando si manifesti una tosse persistente, deve essere interpellato il medico che, oltre ad una visita, farà eseguire gli opportuni esami, se necessario. La tosse è solo un sintomo e non di per sé una malattia e, pertanto, bisogna curarne la causa; possono essere acquistati senza ricetta numerosi farmaci definiti anti-tosse, i quali però possono solo alleviarla, mentre raramente ne curano la causa. Alcuni tipi di sciroppo, per esempio, contengono sostanze note come tussifughi, che agiscono cioè sul centro cerebrale della tosse. Però eliminare il sintomo di difesa, cioè la tosse, può essere pericoloso, in quanto viene così nascosta la malattia che l'ha originata.

  Questa pagina e' stata aggiornata l'ultima volta il : 18/02/2014

Su

 

Potete inviare a WebmasterAzienda un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.  Le informazioni assunte da queste pagine devono essere sempre vagliate dal proprio medico curante. Copyright © 2001/2/3/4/5/6/7/8/9/10/11/12/13/14 - Azienda
Ultimo aggiornamento in data : 18 febbraio 2014