INALANTI TOSSICI

AREA DEL SITO WWW.CHIRURGIATORACICA.ORG DEL DOTT. MARCELLO COSTA ANGELI  

    Home SALVAMENTO RADIOLOGIA ESAMI EMATOCHIMICI DISCLAIMER GINECOLOGIA OCULISTICA ORTOPEDIA PEDIATRIA 

 

Su
NODULO POLMONARE
TUMORI
PNEUMOTORACE
INALANTI TOSSICI
SARCOIDOSI
B.P.C.O.
ENFISEMA
ASMA
INS. RESPIRATORIA
TOSSE
TRAPIANTO POLMONI

 

Noi aderiamo ai principi della carta HONcode della Fondazione Health On the Net

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Verifica qui

I polmoni e gli inquinanti inalabili

 

Per evitare l'insorgenza di patologie a carico dell'apparato respiratorio è indispensabile la funzionalità dei complessi meccanismi di difesa. Tuttavia, dalle azioni difensive possono originarsi processi potenzialmente nocivi per la struttura del polmone stesso. Il polmone ha un'ampia superficie che è posta a contatto con l'ambiente esterno, attraverso alcune migliaia di litri di aria inalate ogni giorno.
Nell'aria inalata sono presenti milioni di particelle che vengono pertanto introdotte nelle vie aeree con gli atti respiratori (da 15 a 20 atti al minuto). L'organismo ha messo a punto numerosi sistemi di difesa contro tali inquinanti. L'alterazione solo parziale dei meccanismi difensivi può provocare una malattia.
Gli agenti inquinanti dell'atmosfera si presentano come
gas oppure come particelle in sospensione nell'aria. Il comportamento nelle vie aeree è differente per le due forme fisiche degli inquinanti stessi.

Relativamente ai gas, sono molto importanti il grado di solubilità e la durata dell'esposizione per determinare l'esito della interazione con le mucose delle vie aeree. I gas solubili vengono abbondantemente assorbiti nel naso, dove il flusso turbolento (che favorisce il contatto) e l'ampia superficie dei turbinati (strutture anatomiche presenti nelle fosse nasali) favoriscono l'assorbimento.
Se il respiro è molto rapido, il tempo di contatto si riduce e così risulta ridotto l'assorbimento a livello del naso.

A differenza dei gas, per quanto riguarda le particelle inalabili è determinante la dimensione delle particelle stesse. Dalla grandezza dipende infatti il livello di deposizione nell'albero tracheo-bronchiale.
Le particelle grandi vengono fermate dalla filtrazione attraverso le ciglia nasali. Quelle che sfuggono a tale filtro si depositano per impatto nelle vie aeree superiori, in particolare a livello delle biforcazioni (a causa dell'inerzia, le particelle non riescono a fare le curve che fa il flusso dell'aria). Le particelle più piccole giungono alle vie aeree periferiche, di piccole dimensioni, e vi si depositano per sedimentazione (nei bronchioli terminali e negli alveoli) oppure galleggiano nell'aria a livello delle piccole vie aeree.
Respiri lenti e profondi facilitano la deposizione nelle piccole vie aeree. Sotto esercizio fisico ogni individuo manifesta un differente "pattern" respiratorio e ciò significa che può variare il tipo di deposizione degli inquinanti.
La bocca non è in grado di svolgere una funzione assimilabile a quella del naso. Ciò è tanto più vero quanto più aumenta la frazione di aria inalata attraverso la bocca, ad esempio durante l'esercizio fisico. In sintesi, le malattie con ostruzione nasale espongono il soggetto a più intensi effetti da inquinanti inalabili.

Le particelle depositate nelle grandi vie aeree (trachea, bronchi) stimolano la tosse e la "clearance" mucociliare, con ciò attivando importanti meccanismi di difesa.
Nelle vie respiratorie (fino ai bronchioli terminali) le cellule sierose e mucipare producono un film di muco che viene continuamente movimentato verso la bocca dalle sottostanti ciglia delle cellule epiteliali, trasportando così anche le particelle inquinanti. L'alterazione della produzione del muco e/o del movimento ciliare aumenta il rischio di patologie respiratorie (ad es. nella fibrosi cistica, nella bronchite cronica).
Le particelle che arrivano oltre il tappeto mucociliare (negli alveoli) devono essere depurate dai
macrofagi alveolari.
I macrofagi "spazzini" digeriscono le particelle o le riportano sul "nastro" mucocilare per spedirle verso la bocca, oppure, dopo il carico, migrano nel tessuto connettivo peribronchiale.
A volte i macrofagi possono essere causa di danno per il polmone. Ad esempio, le fibrosi polmonari imputate all'azione di alcuni inalanti (asbesto, silice) sono il risultato dell'attività dei macrofagi, che dopo aver ingerito le particelle rilasciano mediatori che attivano i fibroblasti e i leucociti (globuli bianchi), protagonisti di una "riparazione" che esita in fibrosi.
Nel polmone l'attività di depurazione macrofagica è incessante. Il rilascio di enzimi
"proteasi" espone alla digestione importanti proteine strutturali del polmone stesso. Se l'attività enzimatica non viene efficacemente contrastata (ad es. nella condizione di deficit di alfa1-antitripsina) si può sviluppare una forma di enfisema polmonare.


Gli inquinanti ossidanti non solo mettono in moto l'usuale meccanismo di difesa (e quindi l'innesco della riparazione e della fibrosi) ma inattivano l'alfa1-antiproteasi e quindi sono particolarmente nocivi, facilitando il danno a carico della struttura del polmone in senso favorevole (per quanto accennato prima) allo sviluppo di enfisema.

 Questa pagina e' stata aggiornata l'ultima volta il : 18/02/2014

Su

 

Potete inviare a WebmasterAzienda un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.  Le informazioni assunte da queste pagine devono essere sempre vagliate dal proprio medico curante. Copyright © 2001/2/3/4/5/6/7/8/9/10/11/12/13/14 - Azienda
Ultimo aggiornamento in data : 18 febbraio 2014