Metodiche

AREA DEL SITO WWW.CHIRURGIATORACICA.ORG DEL DOTT. MARCELLO COSTA ANGELI


    Home sala operatoria broncoscopia link disclaimer       

Su
La procedura
Assistenza paziente
Metodiche
Protezioni
disinfezione
Apparecchiature
Verifica prelievi
Verifiche materiali
Protocollo

Noi aderiamo ai principi della carta HONcode della Fondazione Health On the Net

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Verifica qui

METODICHE DI BRONCOSCOPIA

broncoscopia rigida E’ stata la prima nella pratica clinica, attualmente è utilizzata per la rimozione di corpi estranei (specie in età pediatrica, nelle Stenosi, nell’esecuzione d’interventi col Laser )

broncoscopia laser Usata nel trattamento di lesioni tumorali benigne o maligne tracheobronchiali, in questi ultimi per la cura palliativa delle stenosi.

protesi tracheobronchiali Sono utilizzate in caso d’ostruzione, la compressione estrinseca provocata da Tumori maligni o Stenosi dovute a processi infiammatori può essere risolta in modo definitivo o temporaneo con il posizionamento di protesi tracheobronchiali.

broncoscopia intraoperatoria L’utilizzo del fibroscopio trova indicazioni in intubazioni difficili (interventi di neurochirurgia, lesioni maxillofacciali), controllo posizionamento di tubi endotracheali in operati al polmone (White, Carlens) e protesi esofagee in presenza di fistola esofago bronchiale e di eventuali lesioni della trachea e delle vie aeree. La broncoscopia, è un esame che deve essere eseguito con un’alta garanzia di sicurezza, privo di complicanze, e con una buona tolleranza da parte del paziente. Per questo il ruolo dell’infermiere in endoscopia assume una  parte importante, perché deve avere competenze specifiche in:

  • ·         conoscenza delle apparecchiature utilizzate;

  • ·         fornire al medico un’efficace collaborazione;

  • ·         assistere il paziente prima, durante e dopo la broncoscopia;

  • ·         gestire il materiale utilizzato dal punto di vista di evitare rischi infettivi e chimici sia per il paziente sia per gli operatori;

  • ·         garantire la massima sterilità della strumentazione secondo le linee guida (A.N.O.T.E).

         Broncoscopio flessibile

 

PRINCIPALI METODICHE DIAGNOSTICHE ENDOSCOPICHE

 

BAL

(lavaggio bronchiolo alveolare)

Introduzione in una ramificazione bronchiale periferica di circa 100/150 cc di sol.Fisiologica a 37°C.

La quantità è introdotta in varie fasi, al termine è aspirato.

*malattie polmonari infiltrative

Lavaggio endobronchiale

Aspirazione di sol. Fisiologica introdotta attraverso il fibroscopio

*patologia neoplastica

-patologia infettiva

Brushing

Spazzolamento della mucosa bronchiale per il reperimento di cellule neoplastiche e di germi

*patologia neoplastica

-patologia infettiva(con spazzolino protetto

Biopsia

Prelievo di tessuto endobronchiale

*patologia neoplastica

Agobiopsia transbronchiale

Viene usato un ago protetto da una  guaina,viene inserito nella massa da indagare,ed in seguito si procede ad aspirazione con una siringa da 20 cc.Il materiale è poi strisciato su vetrini e fissato con Citospray

*Neoformazioni extrabronchiali che determinano compressione estrinseca

Questa pagina è stata aggiornata il :19/02/2011

Su

 

 

Potete inviare a WebmasterAzienda un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.  Le informazioni assunte da queste pagine devono essere sempre vagliate dal proprio medico curante. Copyright © 2001/2/3/4/5/6/7/8/9/10/11/12/13 - Azienda
Ultima aggiornamento  in data : 21 aprile 2013