CORRIERE MEDICO

AREA DEL SITO WWW.CHIRURGIATORACICA.ORG DEL DOTT. MARCELLO COSTA ANGELI
 Noi aderiamo ai principi della carta HONcode della Fondazione Health On the Net  Home Su Album L'Ospedale Corsi tenuti I miei lavori I miei scritti      

Su
CORRIERE SERA
TEMPI
LA PADANIA
TELEMATICA
IL GIORNALE
BOLLETTINO MEDICI
CGIL MEDICI WEB
CORRIERE MEDICO
IL CITTADINO DI MONZA
MB Brianza news

 

CORRIERE MEDICO anno 2005

Arbitrato e formazione nel futuro degli ordini

Uno sportello per conciliare le controversie medico-cittadino e tanta formazione continua su temi scientifici in barba alla commissione Ecm. Le liste candidate alle elezioni ordinistiche nei grandi capoluoghi puntano su questo e sulla trasversalità degli schieramenti, dopo che a Bari e Napoli si sono imposte le alleanze tra generalisti Fimmg e ospedalieri. L'obiettivo è su Roma e Milano, dove la trasversalità va di moda: vuol dire offerta di una formazione per tutti gli iscritti, e sforzi dei consiglieri per coinvolgere i cittadini, in caso di denunce per malpractice, in forme di arbitrato alternative alle cause penali e civili. Così, a Roma si sono affrontate due liste "ecumeniche", mentre a Milano quella sfidante fa capo a Giuseppe Messina (Un ordine per tutti i medici), che si presenta come esperimento per fare da cappello a tutte le rappresentanze sindacali esistenti. I risultati di tutto ciò? A Roma, la lista di Mario Falconi - leader nazionale della Fimmg, supportato anche da presidi universitari come Enrico Bollero (Tor Vergata) e Luigi Frati (Sapienza) - ha superato quella del cardiochirurgo Massimo Martelli (che in Uniti per il rinnovamento contava anche Michele Poerio della Cimo, il nutrizionista Eugenio Del Toma, il generalista Daniele Zamperini).

I risultati dicono che lo sportello di Falconi è piaciuto. Intanto a Milano lo vogliono sia il presidente uscente Roberto Anzalone, fondatore del sindacato Snami, da due trienni in carica, sia Messina e Renato Spera (lista Evoluzione Medica, vicina a Cgil). Nella metropoli meneghina le elezioni sono in corso e il risultato pare incerto. La lista di Anzalone, Riscatto Medico, comprende molti quadri Snami (il segretario Roberto Carlo Rossi, il tesoriere Mauro Martini, il fondatore della Snamid Ugo Garbarini, l'ospedaliero Marcello Costa Angeli) e dell'Associazione Donne Medico, nonché dipendenti, dentisti e specializzandi. E' trasversale anch'essa, "ma non tra i sindacati, quelli sono dall'altra parte", dice Anzalone, sottolineando l'intento di chiamare al voto giovani, donne, nuove fasce. Con Messina corrono invece Marco Perelli Ercolini e i sindacati nazionali rappresentati da Fiorenzo Corti (Fimmg), Virginio Bosisio, leader dela Snamid (ancora iscritto allo Snami diversamente da Perelli e Messina) e leader di Anaao, Cimo, Sumai, dentisti Andi e pure medici Asl. "Pericoli di dissidi intecategoriali non ne vedo - dice Messina - i medici sanno di poter migliorare la professione solo confrontandosi anziché sparlandosi alle spalle". La contesa milanese nasce da un ricambio travagliato nello Snami, che ha aperto alla Fimmg. Luigi De Lucia, in lista con Giuseppe Del Barone a Napoli, osserva che per la Fimmg allearsi con i dipendenti è una necessità. "Sarà una disamina di parte (a Napoli ha vinto la lista di Giuseppe Scalera, ndr), ma la Fimmg a Napoli ha perso gli iscritti che fondarono l'Unamef. E per le elezioni la lista con Fimmg-Campania, alleata di Scalera, ha perso pezzi di direttivo provinciale, mentre Del Barone è stato votato da quasi tutti i medici di assistenza primaria della provincia". Generalisti e "guardisti" contro tutti? "Sì - dice De Lucia - le alleanze strette per l'Italia dalla Fimmg sopperiscono a una perdita di consensi tra i medici insoddisfatti dei risultati della convenzione".

Sorride Falconi: "E' come chi vede una splendida donna e, non potendo abbordarla, dice che è matta". "Falso - ribatte Angelo Castaldo (Fimmg-Campania) - ho scrutinato le schede e Del Barone, generalista in pensione, è stato molto più votato dei medici di famiglia della sua lista, tra cui due candidati Fimmg, che lo hanno sostenuto con l'Unamef e sono finiti ultimi. Al contrario, io generalista nella lista vincente ho preso più voti del futuro presidente. I colleghi hanno votato l'unità tra categorie: serve per parlare ai cittadini e fare formazione a 360 gradi. Infatti la Fimmg-Campania sta per accogliere i 200 medici della società Simg, usciti negli anni '90".

Ecco infine altri rieletti: Antonio Panti (Firenze), Salvatore Amato (Palermo), Fulvio Borromei (Ancona), Nunzio Romeo (Messina), Pier Giuseppe Conti (Como), Vito Gaudiano (Matera), Pasquale Macrì (Siena), Mario Alfani (Asti), Vincenzo Ciconte (Catanzaro), Franco Mascia (Caserta), Enrico Lanciotti (Pescara) e Francesco Alberti a Imperia (www.fnomceo.it).

 

CORRIERE MEDICO DEL 26.06.2006

Sanità

del 26 Gennaio  2006

Una soluzione sta nel nido ospedaliero: dove è attivato tornano al lavoro prima

Donne medico al bivio figli

La maternità spesso blocca la carriera

 

La disponibilità di posti negli asili nido può rilanciare la difficile carriera della donna medico, anche medico di famiglia. Le indagini più recenti indicano un boom dei dirigenti donna. Ma lo Snami-Rosa, associazione guidata da Maria Cristina Campanini che raggruppa le iscritte del sindacato, rileva che malgrado la femminilizzazione della sanità, di carriera in camice la donna ne fa poca. «Su 100 mila dipendenti sanitari in Lombardia – dice Campanini – 67 mila sono donne; le laureate in medicina sono ormai sette per ogni tre maschi, hanno medie di laurea più alte (intorno al 107) e si iscrivono sempre a specialità; sanno usare il computer 3 volte su 4, lavorano oltre 40 ore settimanali. Eppure su 200 Asl italiane i direttori generali donna sono tre, i direttori amministrativi due, i direttori sanitari undici. La donna occupa i gradini bassi». «Perché? Quasi nessuna – incalza Campanini – ha appoggi validi quando ha figli o parenti da accudire. Ho annotato un recente questionario su un sito, con 300 risposte. Una ogni tre ripete la solita lamentela: niente tempo per la famiglia e soprattutto per se stesse. Le statistiche però non hanno ancora sottolineato il dato più importante: quanto accresce l’insoddisfazione il fatto di dover fare e assistere dei figli». «La gravidanza – continua impietosa la leader di Snami-Rosa – è un handicap. Oltre il quinto mese e fino all’anno del congedo si percepisce il 30 per cento dello stipendio: addio reddito familiare decente, addio promozioni». «Purtroppo la maggioranza delle donne deve stare a casa, perché di nidi non c’è offerta adeguata», commenta il responsabile dello Snami-ospedalieri Marcello Costa Angeli. In questi anni però negli ospedali, sono sorti i primi nidi aziendali per le dipendenti. A Milano è partito il San Carlo e, quest’anno, ha aperto l’asilo nido del San Gerardo di Monza (45 posti - è l’ospedale dove lavora Costa Angeli) con un addentellato al Bassini di Cinisello Balsamo (24 posti) e una novità: all’iniziativa hanno collaborato anche l’Asl e l’Università di Milano Bicocca (la facoltà di medicina è a Monza, dietro il San Gerardo). «In altre parole, l’Asl si è riservata 16 posti su 69 complessivi per le proprie dipendenti, includendo le donne-medico di famiglia convenzionate», dettaglia l’avvocato M.Teresa Collico, tra gli artefici del nido monzese, realizzato in due anni insieme al manager dell’azienda ospedaliera Ambrogio Bertoglio. E aggiunge: «Tutto nasce da un questionario ai 3.420 dipendenti delle aziende coinvolte; di questi 2.355 sono donne e 1.065 uomini (rapporto di 2 femmine a 1 maschio, tra medici, infermieri, tecnici e amministrativi). Delle donne, 1.499 sono in età fertile e ogni giorno ci sono mediamente 110-120 dipendenti in maternità, per cui i 70 posti complessivi, affidati a cooperative esterne certificate, sono stati messi a regime, soprattutto per durare negli anni. Abbiamo usufruito di un finanziamento regionale di 460 mila euro, e indetto un appalto che è stato vinto da due diverse società tra Monza e Cinisello». Il nido è diviso in tre classi, 5-12 mesi, 12-24 mesi, 24-36 mesi. Quattro insegnanti, che mai perdono di vista i bimbi, spazi ampi, grande giardino, mensa interna con diversi menù. E soprattutto orari d’apertura che tengono conto dei turni di lavoro: il tempo pieno (470 euro al mese per gli interni) si estende dalle 6,30 alle 16,30, mentre 50 euro in più si pagano per allungare fino alle 19 (70 euro per i sabati) e c’è poi la possibilità del part-time. Infine, se ci sono posti in più, li utilizza il comune di Monza per sgravare il nido comunale, sommerso di richieste. «C’è estrema tolleranza per i ritardi della mamma turnista, se però vengono “organizzati”: la dipendente avverte, l’educatrice predispone, il bimbo non ne risente», spiega Elena Crusi, coordinatrice del nido S. Gerardo. Che aggiunge: «Rispetto agli inizio, aumentano le iscrizioni dei bimbi già a 5 mesi. Così le mamme-medico o l’infermiera tornano al lavoro prima. Delle due l’una: o c’è bisogno del reddito pieno in famiglia, o la flessibilità degli orari risolve i problemi». E la carriera riparte.

 

Su

Potete inviare a mangeli@yahoo.com un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web. Le informazioni assunte da queste pagine devono essere sempre vagliate dal proprio medico curante. Copyright © 2001/2/3/4/5/6/7 - Dott. Marcello Costa Angeli - H. San Gerardo - Monza. Ultimo aggiornamento in data : mercoledì, 19 febbraio 2014