IPERTENSIONE POLMONARE

AREA DEL SITO WWW.CHIRURGIATORACICA.ORG DEL DOTT. MARCELLO COSTA ANGELI
Noi aderiamo ai principi della carta HONcode della Fondazione Health On the Net   Home DISCLAIMER        

IPERTENSIONE POLMONARE E CUORE POLMONARE CRONICO

 

Definizione

 

Il concetto di cuore polmonare cronico è stato introdotto in medicina oltre 200 anni fa, ma ancor oggi esistono dubbi sulla sua stessa definizione ed applicabilità ai singoli casi clinici: la OMS definisce questa patologia come ipertrofia-dilatazione del ventricolo destro secondaria ad ipertensione polmonare causata da alterazioni anatomiche e/o funzionali dell'apparato respiratorio o del sistema vascolare polmonare.

La definizione non può quindi essere applicata ai casi in cui l'aumento della pressione arteriosa polmonare è secondaria a cardiopatie congenite o ad affezioni che interessano primitivamente i settori cardiaci di sinistra.

bullet

L'epidemiologia del cuore polmonare cronico è difficile da valutare, sia perché non tutti i casi di pneumopatia lo sviluppano, sia perché i comuni esami strumentali sono poco sensibili nell'individuarlo. Si valuta che esso rappresenti il 5-10% di tutte le cardiopatie organiche, e che sia presente nel 20-30% di tutti i pazienti ricoverati per scompenso cardiaco. Compare soprattutto in soggetti di sesso maschile, fumatori, tra i 50 e i 60 anni di età.

L'eziologia del cuore polmonare cronico è molteplice: le broncopneumopatie croniche ostruttive sono di gran lunga la causa più frequente, ma tutte le forme morbose che interessano sia direttamente sia indirettamente la meccanica ventilatoria, gli scambi gassosi, il letto vascolare polmonare, possono dare origine ad ipertensione polmonare e cuore polmonare cronico. La pneumopatia di base deve però essere sufficientemente estesa ed avanzata per causare innalzamento della pressione arteriosa polmonare: fortunatamente la maggior parte dei disordini polmonari è circoscritta, o non si ripercuote in modo massiccio sugli scambi gassosi da dare innesco alla sequela di eventi che culmina nella ipertrofia del ventricolo destro e successivo scompenso cardiaco.

   

ANATOMOFISIOLOGIA
ETIOCLINICA
FISIOPATOLOGIA
DIAGNOSTICA
PROGNOSI
TERAPIA

Potete inviare a WebmasterAzienda un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web. 
Le informazioni assunte da queste pagine devono essere sempre vagliate dal proprio medico curante.
Copyright © 2001/2/3/4/5/6/7 - Azienda
Questa pagina è stata aggiornata l'ultima volta in data : 17 giugno 2007