IL TABACCO

AREA DEL SITO WWW.CHIRURGIATORACICA.ORG DEL DOTT. MARCELLO COSTA ANGELI

Noi aderiamo ai principi della carta HONcode della Fondazione Health On the Net Home Centri antifumo I danni da fumo Il fumo e le donne Epidemiologia Sigaro e Pipa Perchè  smettere Come non fumare   

IL TABACCO E' FONTE DI PIACERE MA ANCHE DI GUAI. SENZA DEMONIZZARE, COME ANCHE L'ACOOL, SE ASSUNTO A DOSI CONGRUE ( MODESTE ) NON FA PIU' MALE DI TANTE ALTRE SOSTANZE DI CUI SI PARLA MENO. CERTO CHE SE DALL'USO SI PASSA ALL'ABUSO LE COSE CAMBIANO. IN QUEST'AREA DEL SITO E' POSSIBILE APPROFONDIRE OGNI VOSTRA CURIOSITA' SU TALE PIANTA E IL SUO USO.     

COSA DICE IL BOTANICO SUL TABACCO

Il tabacco è una pianta erbacea della famiglia delle solanacee, come la patata, la melanzana, la petunia.  All'interno di questa famiglia, il tabacco appartiene al genere Nicotiana: pianta annuale dal fusto erbaceo, dalle foglie larghe e isolate. Tutte le piante del tabacco oggi coltivate derivano da due forme primitive: la Nicotiana rustica e la Nicotiana tabacum.  La coltivazione di questa pianta non è semplice, perchè i semi del tabacco sono troppo piccoli per essere seminati in campo aperto e vanno coltivati in serra per almeno due o tre mesi. Quando le piantine sono alte almeno 45 cm. vengono trapiantate nei campi. I campi destinati ad accogliere le piantine di tabacco sono stati precedentemente arati in autunno e ripuliti dalle erbacce in due o tre riprese. In primavera prima del trapianto, vengono fertilizzati con azoto, fosforo e potassio. Dopo tre mesi è possibile raccogliere le foglie, che vanno maturando dal basso verso l'alto.

Quando le foglie hanno raggiunto la giusta colorazione, si procede alla raccolta.

Classificazione della pianta del tabacco:

Specie:
 

Nicotiana tabacum
Nicotiana rustica

Genere:

Nicotiana

Famiglia:

Solanacee

Ordine:

Personate

Sottoclasse:

Dialipetale

Classe:

Dicotiledoni

Sottodivisione:

Angiosperme

Divisione:

Spermatofite

Regno

Vegetale

    

Questa può essere fatta in due modi: tagliando le piante alla base e lasciandole essiccare sul campo, per poi appenderle in gruppi di 6/7 su apposite assi, oppure raccogliendo le foglie che man mano sono

 giunte a maturazione, per poi farle seccare in appositi contenitori.  Come sarà venuto in mente alla gente di bruciare quelle foglie così decorative per aspirarne il fumo? Lo si impara dal giornale di bordo della Pinta di Cristoforo Colombo

Un pò di storia
Cronologia tabacco
Cristoforo e il tabacco
Legislazione
Il Fumo attivo
Il Fumo passivo
Dubbi ??
La combustione
Composizione fumo
La Nicotina
Il Monossido di C.
Irritanti
Cancerogeni
I radicali liberi
Nicotino-Dipendenza
E la pubblicità ?
Le frasi celebri

Potete inviare a WebmasterAzienda un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web. 
Le informazioni assunte da queste pagine devono essere sempre vagliate dal proprio medico curante.
Copyright © 2001/2/3/4/5/6/7 - Azienda
Questa pagina è stata aggiornata l'ultima volta in data : 04 giugno 2007