Tempi intervento

AREA DEL SITO WWW.CHIRURGIATORACICA.ORG DEL DOTT. MARCELLO COSTA ANGELI
     Home La storia Nel neonato Nella pneumo Disclaimer Pagina principale 1        

Su
Messa a dimora
Tempi intervento
Complicanze

Questa pagina è stata aggiornata in data :28/02/2011

Il paziente viene posizionato a seconda della sede di inserzione prevista nel modo più comodo per le manovre.

La posizione standard per una inserzione in 5o spazio sulla linea ascellare media è:

bullet

    La posizione semisedututa leggermente obliqua controlateralmente con esposizione del lato da trattare mediante sollevamento del braccio sopra la testa.

Devesi predisporre:

bullet

    Una maschera di ossigeno deve essere a disposizione per ev. necessità

bullet

    Il necessario per attivare una aspirazione

bullet

    Uno spazio idoneo per posizionare i materiali d'uso ( carrello a bandiera )

bullet

    Il carrello di medicazione

bullet

    Il bottiglione di raccolta

bullet

     I materiali d'uso

La posizione del paziente dipende dalla sede prevista di inserzione del drenaggio. Nel caso di raccolte saccate la loro posizione fa da guida alla sede di inserzione. La posizione del paziente deve comunque garantire:

bullet

    Facile accessibilità ad ogni bisogno clinico

bullet

    Comodità del paziente

bullet

    Spazio per manovre di urgenza/emergenza

bullet

    Spazio per gli operatori

I tempi di lavoro sono i seguenti:

  1. Spiegazione al paziente della procedura

  2. Preparazione dei materiali

  3. Preparazione degli spazi utili

  4. Preparazione della posizione del paziente

  5. Preparazione del campo di lavoro

    bullet

     Il paziente deve occupare nel letto una posizione confortevole

    bullet

     Deve avere le gambe sotto le coperte

    bullet

     Il torace e parte del bacino liberi e nudi

    bullet

     Il letto con spazi liberi necessari per il lavoro

    bullet

     Il carrello a bandiera sul letto ad adeguata distanza dal torace per non intralciare le manovre

    bullet

     L'assistente dell'operatore porge i guanti sterili all'operatore che li indossa

  6. Disinfezione del campo

    bullet

     Si apre il set da toracotomia minima

    bullet

     Si posizionano con comodità i contenuti sul campo sterile

    bullet

     Si deterge la zona cutanea con etere o benzina

    bullet

     Si disinfetta con due passaggi di betadine

    bullet

    Si delimita l'area toracica con due telini sterili ad Y

    bullet

     L'assistente apre una siringa da 10 cc in modalità sterile e la lascia cadere sul campo sterile

    bullet

     Fornisce i fili di sutura necessari ( Sintofil 0 )

    bullet

     Apre una fiala di lidocaina che l'operatore aspira con la siringa

  7. Anestesia

    bullet

     L'operatore con due dita a V fissa la sede di inserzione mantenendo tale posizione in modo che la centro della V formata dalle due dita che delimitano il 5° spazio intercostale sulla linea ascellare media inserisce l'ago della siringa di anestetico infiltrando i piani di passaggio

    bullet

     L'ago deve scorrere sul margine superiore della 6a costa di cui percepisce i limiti

    bullet

     Al superare della pleura parietale l'operatore accerte il vuoto del cavo pleurico e aspira aria o liquido ( se è un pnx o un versamento ) nella siringa accertandosi in tal modo di essere nel cavo pleurico

    bullet

     Quindi retrae l'ago continuando l'infiltrazione dei anestetico nel tragitto

    bullet

     Al termine estrae l'ago che deposita sul campo sterile

  8. Inserzione

    bullet

     L'assistente porge il drenaggio toracico prescelto lasciandolo scivolare dalla custodia sulla mano libera dell'operatore o sul campo sterile

    bullet

     L'operatore con il bisturi 15 incide la cute per ca 1 cm nella sede di anestesia con direzione parallela al margine della 6a costa

    bullet

     Incide il sottocute con il bisturi

    bullet

     Incide i muscoli e sfonda il piano pleurico con forbice di mayo curva divaricando la ferita

    bullet

     Introduce il drenaggio sulla guida dello spazio ottenuto dalle forbici

    bullet

     Direziona il drenaggio nella sede corretta voluta tramite il mandrino se lo usa

    bullet

     Retrae il mandrino

    bullet

     Collega con raccordo il drenaggio alla caduta del bottiglione di raccolta

    bullet

     Invita il paziente a soffiare o tossire osservando la funzionalità del drenaggio

  9. Fissaggio

    bullet

     Accertatosi della funzionalità d3l drenaggio a dimora e della corretta sede, l'operatore invita l'assistente a tenere la posizione del tubo

    bullet

     Chiude l'inserzione con due punti a U sui lati dell'occhiello di ingresso e confeziona due catenelle di tenuta

    bullet

     Solidarizza il tubo con i due punti che chiudono l'orifizio di ingresso

    ( NB - SCONSIGLIO VIVAMENTE LE BORSE DI TABACCO CHE NELLA NOSTRA ESPERIENZA NON SOLIDARIZZANO ADEGUATAMENTE TUBO E CUTE E RAPPRESENTANO SPESSO FONTI IN INGRESSO DI ARIA AL CAVO PLEURICO )

     L’ “ IMMEDIATO “ DOPO TORACOTOMIA DI MINIMA SU TUBO

        Se si effettua una riespansione polmonare rapida è possibile la comparsa di un quadro di “ CRISI VAGALE “ con lipotimia, sudorazione, calo pressorio, pallore, tachicardia ecc. ecc.

    In questi casi viene utile la maschera d'ossigeno che deve essere a disposizione nella procedura di posizionamento. Il paziente viene disteso per evitare il collasso. rassicurato e monitorato.

    E' bene non mettere immediatamente in aspirazione il drenaggio o perlomeno garantire una riespansione controllata del polmone e al termine quando compare una tosse insistente e il respiro < mozzafiato > segno di riespansione avvenuta e di irritazione pleurica, sospendere l'aspirazione o interrompere il flusso evacuativo costante del drenaggio ( in caso di versamento pleurico ), per evitare un grave disconfort del paziente.

    Il paziente andrà successivamente stimolato ad eseguire gli esercizi di respirazione prescritti e deve essere edotto delle modalità di cura del suo drenaggio e del suo bottiglione di raccolta.

    Va sopratutto istruito sulle modalità di controllo del drenaggio, e di uso della raccolta, di come andare a letto e come circolare con la cura adeguata al drenaggio ma senza averne paura, anzi favorendo la sua funzione con la adeguata attività fisica e evitando allettamenti incongrui e posizioni e posture viziate.

  10.  

 

Su

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica

Aderiamo allo

 standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica


Verifica qui

 

Potete inviare a WebmasterAzienda un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web. Le informazioni assunte da queste pagine devono essere sempre vagliate dal proprio medico curante. Copyright © 2001/2/3/4/5/6/7/8/9/10/11 - Azienda Ultimo aggiornamento in data : 22 maggio 2011