Nella pneumo

AREA DEL SITO WWW.CHIRURGIATORACICA.ORG DEL DOTT. MARCELLO COSTA ANGELI
     Home La storia Nel neonato Nella pneumo Disclaimer Pagina principale 1        

Il particolare sistema di drenaggio nella pneumonectomia:

bullet

    In questo intervento viene rimosso l’intero polmone. Il cavo residuo sarà poi occupato da liquido destinato in parte ad organizzarsi.

bullet

    Nell’immediato postoperatorio è necessario provvedere alla eliminazione delle secrezioni prodotte

bullet

       ed alla corretta stabilizzazione del mediastino, che se non viene “ guidato “ può sbandare con gravi ripercussioni emodinamiche.

( “ Mediastino “ è letteralmente “ tutto ciò che sta nel mezzo “ compreso tra i due polmoni lateralmente, e tra lo stretto toracico superiore ed il diaframma superiormente ed inferiormente. E’ normalmente una struttura lassa che per tale motivo consente ed accompagna la mobilità cardiaca e polmonare/diaframmatica/costale, per cui è facilmente mobile ).

Il drenaggio della Pneumonectomia è quindi particolare in quanto deve consentire 

bullet

    la regolare assializzazione del mediastino 

bullet

    preservando per quanto possibile la possibilità di evacuare le secrezioni 

bullet

    e nello stesso tempo riducendo al minimo l’ingresso di aria nel cavo pleurico drenato.

E’ UN DRENAGGIO SEMPRE A CADUTA  !!!

( NON SI DEVE MAI PORRE IN ASPIRAZIONE ! )

bullet

    costituito da due valvole di compensazione 

bullet

    espirativa 

bullet

     inspirativa  

bullet

    con pressioni medie di

bullet

 +2 

bullet

e -13 cm di H2O. 

bullet

( vedi figura )

Il 1° bottiglione è il bottiglione di raccolta; serve a raccogliere le secrezioni e non ha altra funzione. 

bullet

    Deve essere ermetico 

bullet

    e ha i due tubi passanti nel tappo che non devono pescare nel liquido. 

bullet

    Uno dei tubi è connesso al paziente tramite la caduta, 

bullet

    l’altro è connesso al 2° bottiglione al tubo che pesca in acqua in derivazione con la connessione con il terzo bottiglione. 

Il 2° bottiglione presenta

bullet

     il tubo immerso che deve pescare 2 cm nel liquido di riempimento ( 500 cc di acqua bidistillata ), 

bullet

    ed un tubo libero che non deve pescare nel liquido.

Il 3° bottiglione è connesso 

bullet

    per il tramite del tubo che non pesca nel liquido al 2° bottiglione 

bullet

    e presenta il tubo pescante che deve essere immerso per 13 cm nel liquido in esso contenuto ( Bidistillata sino ad ottenere il pescaggio voluto ).

 Il 2° bottiglione funziona da valvola espirativa 

bullet

    e permette l’emissione di aria dal cavo pleurico quando venga sviluppata una pressione positiva superiore a 2 cm di H2O ( l’aria supera il pescaggio del tubo pescante e fuoriesce all’esterno gorgogliando ).

Il 3° bottiglione funziona da valvola inspirativa 

bullet

    e permette l’ingresso di aria in cavo pleurico solo quando la forza aspirativa sviluppata nella inspirazione ( per esempio nello sbadiglio ) sia superiore a - 13 cm di H2O,

bullet

     In questo caso si noterà un gorgoglio nel liquido del bottiglione per il passaggio dell’aria dal tubo pescante alla atmosfera del bottiglione stesso. 

bullet

    Quando non si supererà tale pressione negativa l’acqua non gorgoglierà mentre si noterà un movimento pendolare del menisco liquido che riempie il tubo stesso.

Il sistema Pleur-Evac per pneumonectomia

Come nel bottiglione multiplo questo non è altro che il metodo industriale 

bullet

     ha il vantaggio di riassumere in unico blocco i tre bottiglioni 

bullet

    e di non necessitare il cambio frequente della raccolta. 

bullet

    Presenta tre camere fra loro connesse distinte 

bullet

    in camera di raccolta ,che sostituisce il 1° bottiglione,

bullet

     camera di controllo della pressione positiva che sostituisce il secondo bottiglione, 

bullet

    e camera di controllo della pressione negativa in sostituzione del terzo bottiglione.

La lettura dei dati in questo sistema spesso non è immediata né agevole. Bisogna sempre controllare la giusta quantità dei liquidi da immettere nelle camere di controllo della pressione affinché non si esercitino dei valori di pressione inadeguati alla pratica clinica.

I PUNTI FONDAMENTALI DELLA ASSISTENZA:

E’ evidente che oltre alle altre possibilità di danno al paziente già viste nei capitoli precedenti esiste sempre la possibilità di una infezione del cavo pleurico che è tanto più probabile in caso di errate manovre di manutenzione e tanto maggiore quanto più lungo sarà il tempo di permanenza in sede del drenaggio toracico.

E’ fondamentale per assicurare una corretta gestione dei drenaggi conoscerli e conoscerne l’ uso e le finalità altrimenti non è possibile agire assicurando un fine utile alle proprie azioni di cura e di controllo. 

La migliore cosa è sempre attenersi ad un protocollo di gestione che assicuri una omogeneità di controllo e di assistenza sia nel tempo che nella corretta interpretazione dei dati e delle consegne del personale di cura.

 

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica

Aderiamo allo

 standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica


Verifica qui

 

Potete inviare a WebmasterAzienda un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web. Le informazioni assunte da queste pagine devono essere sempre vagliate dal proprio medico curante. Copyright © 2001/2/3/4/5/6/7/8/9/10/11 - Azienda Ultimo aggiornamento in data : 22 maggio 2011