BRONCOSCOPIA

AREA DEL SITO WWW.CHIRURGIATORACICA.ORG DEL DOTT. MARCELLO COSTA ANGELI


      Home DISCLAIMER 

     

 

 

   Le origini della broncoscopia

  Bronchoscopy  

L' uso di un tubo di metallo per l'intubazione nella difterite e per l'estrazione di corpi estranei dalla trachea a dai bronchi venne ideato ed attuato per la prima volta da O'Dweyer (1841-1894).  La scoperta della lampadina elettrica (Edison 1878) avviò l'endoscopia delle più basse vie aeree: Kirstein, nel 1895, esaminò la cavità laringea di un paziente con un tubo di Dweyer, abbassando lingua ed epiglottide. Padre del broncoscopio è ritenuto Killian (1864-1921) che usò un esofagoscopio per l'esame dell'esofago ed un endoscopio per l'esame diretto dei bronchi servendosi di una sorgente luminosa esterna e di uno specchio che la rifletteva all'interno del tubo. Branning, suo allievo, disegnò un endoscopio con illuminazione oculare dando l'avvio alla diffusione del metodo.  Einnhom nel 1897 negli U.S.A. pubblicò il primo saggio di esofagoscopia e Chevalier Jackson di Filadelfia costruì nel 1904 un broncoscopio incorporante un tubo di aspirazione con illuminazione distale.  Da allora, in tutti i paesi si usa il broncoscopio di Killian o di Jackson o una loro modifica. In seguito vennero applicati un telescopio per l’ingrandimento dell'immagine a quindi delle lenti per la visione laterale. Nel 1957 Hopkins a Kapany costruirono il broncoscopio a fibre di vetro flessibili (fibroscopio), con assai maggior illuminazione, completamente aperto, con più larga visibilità, senza parallasse e soprattutto di diametro assai ridotto, capace di esplorare bronchi subsegmentari a subsubsegmentari.

STRUMENTARIO PER BRONCOSCOPIA

BRONCOSCOPIO RIGIDO 

 RIGIDI DI DIVERSE MISURE

FIBROBRONCOSCOPIO

FONTE DI LUCE 

 

STRUMENTARIO DI SUPPORTO PER OPERARE SULLE  VIE AEREE

Cánula y set de Traqueostomía

Combitube

Laringoscopio de Bullard

Laringoscopio de Chevallier Jackson 2

Laringoscopio de Chevallier Jackson 3

Laringoscopio de Chevallier Jackson

Laringoscopio de comisura de Hollinger

Laringoscopio de ramas curvas de Macintoch

Laringoscopio de Macintoch, hojas rectas de Miller y Jackson-Wisconsin

Laringoscopio no articulado

Mascaras, tubos de Guedel y tubo copa

Pinza de extracción de cuerpo extraño

Set de máscaras laríngeas

Tubo de doble luz para intubación selectiva

Tubo laríngeo

Codo con válvula de seguridad

Filtro bacteriano

Tubo endotraqueal con mandril

Tubos endotraqueales preformados

Adaptador de boquilla de tubo endotraqueal

LA BRONCOSCOPIA (con strumento flessibile)

Sinonimi:
tracheobroncoscopia, fibrobroncoscopia, endoscopia bronchiale.

La broncoscopia è una procedura che consente agli operatori di osservare
direttamente la laringe, la trachea, i bronchi,
ossia le vie attraverso le
quali l'aria raggiunge i polmoni, e di raccogliere campioni di secrezioni e
tessuto.

La broncoscopia è effettuata da uno Specialista competente in
endoscopia, in un ambulatorio diagnostico appositamente attrezzato.

27.gif (33948 bytes)28.gif (31306 bytes)

 

Il broncoscopio flessibile è costituito da una sonda di diametro poco superiore 
al mezzo centimetro, collegata ad una telecamera, che a sua volta è collegata 
a più monitor e ad un sistema di videoregistrazione.


Prima dell'esame endoscopico gli operatori hanno un colloquio preliminare 
con il Paziente, allo scopo di illustrare, in termini chiari e semplici, come si 
svolgerà la procedura e di raccogliere eventuali segnalazioni di allergie a 
farmaci ed anestestici o di trattamenti farmacologici in atto. 
Al Paziente viene inoltre insegnato come mantenere un atteggiamento rilassato,respirando 
lentamente e profondamente, al fine di controllare la tosse e conseguentemente 
tollerare meglio l'esame.
Viene poi somministrato un sedativo adatto al rilassamento ed alla riduzione 
della comprensibile agitazione.
Successivamente si effettua l'anestesia locale delle cavità nasali, della bocca 
e della laringe, questa è ottenuta spruzzando direttamente un anestetico spray.La broncoscopia non causa dolore, 
ma un tollerabile fastidio quando viene 
introdotto lo strumento.
La broncoscopia non determina ostruzione completa delle vie respiratorie e 
pertanto non compromette la respirazione. 
In ogni modo la respirazione sarà 
tenuta sotto controllo mediante un apparecchio chiamato pulsossimetro, che 
consente di valutare, in modo assolutamente indolore, lo stato di ossigenazione 
e quindi la necessità di somministrare ossigeno supplementare.

Il broncoscopio viene inserito attraverso la bocca o il naso e poi spinto 
dolcemente nelle vie respiratorie ove saranno successivamente ottenuti dei 
campioni di secrezioni e tessuto.


Al termine dell'esame, dopo un breve periodo di osservazione, si può tornare 
al domicilio, ma è opportuno:
	
     a) non guidare
     b) rimanere a digiuno per altre 2 ore
     c) rimanere a riposo per 24 ore 

Dopo qualche ora dal termine dell'esame può comparire lieve bruciore alla gola
che normalmente passa in uno o due giorni. Le complicazioni tardive sono rare, 
ma se compare difficoltà alla respirazione oppure febbre elevata, tosse con 
abbondante sputo ematico, oppure altri sintomi non spiegabili, è opportuno 
chiamare il proprio Medico, oppure interpellare gli Ambulatori di Pneumologia 
o i Servizi della Emergenza quali, la Guardia Medica o il Pronto Soccorso

Come ci si prepara alla BRONCOSCOPIA

1-  è opportuno portare con sé tutta la documentazione clinica in proprio possesso
     (precedenti lettere di dimissione, referti di visite, esami, radiografie, copia di 
     cartelle cliniche, ecc).

2- è indispensabile presentarsi a digiuno da almeno 8 - 10 ore; è opportuno 
    rimuovere gli occhiali, le lenti a contatto, le protesi dentarie; è consigliabile 
    indossare indumenti comodi e facilmente svestibili.

3- è indispensabile organizzarsi affinché un accompagnatore al termine dell'esame
    sbrighi le pratiche amministrative e sia in grado di provvedere al rientro a casa.

4- eventuali disdette dovranno essere comunicate tempestivamente.

 

 Questa pagina è stata Aggiornta in data :25/04/2013

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica

Aderiamo allo

 standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica


Verifica qui

Potete inviare a WebmasterAzienda un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web. Le informazioni assunte da queste pagine devono essere sempre vagliate dal proprio medico curante. Copyright © 2001/2/3/4/5/6/7/8/9/10/11 - Azienda ultimo aggiornamento in data : 25 aprile 2013